Come mi sono sbagliata

Mi riferisco al mio post sull’11 Settembre…

L’espressione “avere il prosciutto sugli occhi” non potrebbe definire meglio il mio stato fino a qualche settimana fa. Beatamente credevo a tutto quello che i Media comunicavano senza soffermarmi a soppesare le notizie, davo per scontato e come una stupida non ragionavo e neanche mi davo pena di ricercare e sentire anche “l’altra campana” ossia fonti alternative. Mi riferisco in particolare all’11 settembre perche’ e’ l’emblema : tutti coloro che si sono fidati dei media convenzionali (televisione,radio, giornali) hanno la certezza che si sia trattato di un attentato terroristico organizzato da Bin Laden e Al-Qaeda. Che dire allora delle seguenti incongruenze:

a. Risorse ufficiali (Donald Ramsfeld, G. Bush) hanno comunicato che l’aereo che si e’ schiantato contro la Torre Sud del World Trade Center e’ un Boeing 767-200 ma se si confrontano il profilo del vero Boeing 767-200 all’altro aereo, appare chiaramente che non si sia trattato dello stesso aereo che quella mattina e’ decollato dal Logan Airport di Boston.

b. a giudicare dalle brusche manovre compiute dai piloti, i computer di bordo sono chiaramente stati manomessi poiche’ gli aerei di quella portata e destinati per uso civile, non permettono manovre brusche. A meno che il software dei computer di bordo non venga riprogrammato, operazione che, secondo la documentazione del costruttore Boeing impiega 90 min solo per attivare il processo. Il volo 175 della United Airlines e’ decollato da Boston alle 08:14 a.m. e si e’ schiantato sulla Torre Sud alle 09:03 a.m., ossia 49 min dopo di conseguenza il software e’ stato riprogrammato prima del decollo?!

 c. l’apparecchio ebbe un brusco sbandamento prima di raggiungere l’obiettivo. Cio’ perche’ non e’ semplice nemmeno per il piu’ navigato dei piloti effettuare una manovra del genere per colpire un obiettivo cosi’ “piccolo” alla velocita’ di 500 mp/h 

d. nel momento in cui a N.Y. succedeva cio’, a Washington si schiantava un altro aereo, il volo 77 sul Pentagono. Danielle O’Brien, controllore del traffico aereo all’aeroporto Dulles di Washington D.C., ha riferito all’emittente televisiva ABC News “ad una velocita’ di 500 miglia/h, l’aereo puntava direttamente sullo spazio aereo conosciuto come P-56 ossia spazio aereo protetto che ricopre la Casa Bianca ed il Campidoglio”. Secondo lei e i suoi colleghi “la velocita’e la manovrabilita’ con cui si muoveva l’apparecchio, hanno subito e senza dubbio fatto pensare a tutti coloro presenti nella stazione radar, controllori esperti e con diversi anni di servizio alle spalle,  che si trattasse di un aereo militare poiche’ non c’e modo di condurre un Boeing 757 in quel modo”.

e. Il presidente George W. Bush si trovava in un asilo in Sarasota, Florida. Quando uno dei suoi sottoposti, entra nel bel mezzo della lezione per comunicargli che la nazione e’ sotto attacco (dopo il secondo attentato alle Torri Gemelle), il presidente non reagisce in alcuna maniera. Un video contenuto nel film/documentario di Michael Moore “Fahrenhei 09/11” dimostra che interrompe la lettura e fissa il vuoto per dieci minuti mentre la sala e’ immersa in un silenzio teso. Poi ad un certo punto, Bush si riscuote, prende in mano il libro che stava leggendo ai bambini e va avanti nella lettura con molta calma. Come se nulla fosse successo.

d. nei giorni seguenti all’ 11/09, tutto il traffico aereo, sia in entrata che in uscita dagli Stati Uniti, venne bloccato come misura precauzionale. E’ curioso pero’ notare come i familiari di Bin Laden (peraltro amici di famiglia dei Bush) siano stati messi su un aereo verso il loro paese.

E potrei andare avanti ancora per un bel po’….

Fanno riflettere questi punti.

Consiglio : leggete “Media Control” di Noam Chomsky

Come mi sono sbagliataultima modifica: 2007-11-25T13:20:00+01:00da thenewlondoner
Reposta per primo quest’articolo