2 anni e 5 Kg dopo…

Si, son passati due anni dall’ultima volta che ho usato questo blog. Suonera’ incredibile ma mi e’capitato di ripensarci con nostalgia…e con un po’ di senso di colpa per aver contribuito a “trashare” la rete con i miei 16 MB di blog. Ora che son qui davanti alla pagina bianca, la mia mente incapace di riordinare i pensieri e metterli in senso logico, provo..ma forse…chi dice che tutto debba avere un capo e una coda? non si dovrebbe porre limiti all’immaginazione e al fiume in piena che sono i pensieri.

Dunque 2 anni e 5kg dopo, eccomi ancora a Londra a studiare, lavorare e nel tempo libero…aspetta, ma quale tempo libero? Ogni tanto, quando non perdo i voli, mi piace ancora andare a trovare la mia famiglia in Italia e rendermi conto che quella di andarmene via e’ stata la scelta piu’ azzeccata che io abbia preso in 25 anni di vita! Cosi’ si ritorna ad una questione che mi sta molto a cuore, questi 2 anni e 5 kg. Per quelli che mi conoscono da lungo tempo, i 5 kg suonano un’esagerazione. Io che non sono mai riuscita a mettere su piu’ di 2 kg, ora mi peso ed e’la bilancia a farsi grasse risate (o forse e’ l’eco che sento nella mia mente soltanto, piccolo “incoveniente” dell’eta’!). Paura.

Mi terrorizza il tempo che passa. Mi capita di ripensare a obiettivi che mi ero prefissata da ragazzina, quando 25 anni sembravano cosi’ lontani che c’era tutto il tempo del mondo per sognare di diventare tutto quello che volevo…e com’era facile sognare in grande! E ora ripenso a quei castelli in aria e mi rendo conto che sono passati 10 anni da allora, ma com’e possibile? Dove sono andati? E io dov’ero? E ora che sono nel fior fiore dei miei anni, ho questa persistente sensazione che viviamo tutti in attesa di grandi cose ma e’ come se arrivassero in una serie di avveniment piu’ piccoli togliendoci la soddisfazione di assaporare la grandiosita’ fine a se stessa. E intanto mi convinco che in realta’ in tempi cosi’ moderni, il fior fiore dell’eta e’piu’ avanti, che e’ domani…e’ sempre domani!

Come si fa ad imparare a vivere il momento?

Post post-natale

Sono sopravissuta ed e’ cio’ che conta.

Sono sopravissuta al primo trimestre di universita’ (anche se i voti devono ancora arrivare), sono sopravissuta al primo natale lontano dalla famiglia e sono sopravissuta al primo litigio amoroso con il mio Tom. Posso quindi ritenermi una ragazza forte…credo! 

 

Ho passato giornate intere chiusa nella biblioteca della mia universita’ a scrivere, scrivere e ancora scrivere fino a farmi venire l’emicrania; sono riuscita a superare la “psicosi generalizzata da regalo” e ho affrontato il caos di Camden Town nel pomeriggio del 24 dicembre alla ricerca di un ultimo regalo; ho affrontato ore e ore in cucina a preparare il mio contributo al cenone (Tom proponeva un Natale molto alternativo: take-away, fumo, birra e tanti amici…forse non e’ tanto male come idea) ed infine dopo una sua frase infelice e 4 giorni di pensamenti e ripensamenti, io e Tom siamo riusciti a chiarire che io sono terribilmente gelosa (e per me e’ una novita’!) e lui e’ sinceramente “preso”. 

 

Mi e’ arrivato un pacco regalo dall’Italia : contiene un book che i miei ex-colleghi hanno preparato per festeggiare i 20 anni della ditta dove lavoravo. Quindi foto, commenti irriverenti e satire a non finire e infine un bellissimo augurio per il futuro. Lucia (l’ideatrice) e’ un genio pungente! Mi hanno anche mandato una lettera da parte di tutto lo staff e…la collanina d’argento che il capo ha regalato ai dipendenti. Anche se io non lavoro piu’ li’.Ho avuto la sensazione di aver costruito qualcosa di buono in quei 4 anni che sono stata li e che quel qlc di buono rimane anche dopo la mia partenza. Sono felice.

 

 

 

29-11-2007

Ieri era il mio compleanno: il piu’ stressante della mia vita…tra essay da consegnare e computer che improvvisamente decidevano di sabotarmi. Ieri era il mio compleanno e non mi sono soffermata a pensare “positivamente”, come cerco di fare ogni anno, che ho un anno in piu’, che non sono piu’ una teen-ager, ieri era il mio compleanno e non mi sento piu’ matura di quanto lo fossi stata un anno fa, ieri era il mio compleanno e i miei si sono dimenticati di farmi gli auguri (lontano dagli occhi, lontano dal cuore??)

MA ieri era il mio primo compleanno a Londra e tanto basta per scacciare i brutti pensieri!

 

Casa dolce casa!

34270f5bc64a5b163a7291b94b65d8ff.jpgRicordate che ieri dovevo andare a vedere un appartamente a Vauxhall? Bene…..la sottoscritta ora ha un appartamento dove per la prima volta in vita sua andra’ ad abitare da sola……….Mi sento molto “adulta” devo ammettere….scherzi a parte, sono contentissima che pian piano i pezzi del mosaico si stanno componendo e proprio secondo il disegno che avevo in mente. Andro’ ad abitare nella mia nuova casa (che e’ solo a 50 min dal mio lavoro quindi la mattina posso dormire 20-30 min in piu’) tra una decina di giorni o forse meno.

Le donne, le donne! Appena entrata, il mio pensiero gia’ andava a quali complementi d’arredo comprero’ (ma perche’ noi donne spendiamo e spendiamo e spendiamo??), di che colore voglio le pareti, come sistemero’ i mobili…..sono cosi’ eccitata!

CAZZEGGIO

Che bella la vita dello studente universitario a settembre quando le lezioni non sono ancora iniziate, sono li’ lontane che guadagnano terreno pian piano mentre il suddetto studente si da alla bella vita tra giornate spese a fare shopping (le donne quantomeno) e serate infrasettimanali dedicate a party, festini, concerti e chi piu’ ne ha, piu’ ne metta! Amo questa vita!

Ad esempio oggi : questa mattina mi sono alzata con molta calma alle 10.20 per rendermi subito conto che stordita come sono ero gia’ in ritardo in quanto sarei dovuta essere in Uni alle 10.00 per registrarmi……sono arrivata li’ alle 12.00 e con molta nonchalance ho chiesto se ero ancora in tempo e con altrettanta nonchalance sono stata “cazziata” per il mio ritardo! La puntualita’ sta agli Inglesi come la svampitaggine (termine appena coniato dalla sottoscritta quindi levati dalla faccia quell’espressione “ma da dove arriva ‘sto termine” tu che leggi!) sta alla Susanna!

Ma non mi lascio scoraggiare facilmente e insieme alla mia nuova amica Debbie (Dio sono perseguitata dalle Debora di questo paese, tutte io le conosco……) pure lei in stra-ritardo e pure lei grande svampita come me, anzi di piu’ visto che lei abita a 10 min dall’Uni, siamo andate a fare il giretto turistico in battello sul Tamigi organizzato dall’Uni. Ho rischiato di essere trascinata via dal vento gelido (qualcuno sa come si chiama?C’e l’ho sulla punta della lingua…) con il mio mezzo quintale scarso di peso!!! E mi sta pure venendo il raffreddore….Yuppie! Come sono i raffreddori di Londra? Sono uguali a quelli di Novara? Mah….Ve lo sapro’ dire..lo so che siete molto interessati a scoprirlo!! Comunque tornando a noi, il giretto si e’ concluso a London Bridge cosi’ ne ho approfittato per farmi un passeggiata risalendo dal ponte a Trafalgar Square e vorrei dire che mi e’ molto piaciuta la zona, ho fatto un po’ di shopping (ma poco poco eh?), mi sono fermata dal mio amato Starbucks a riscaldarmi con una bella tazzona di Caramel Macchiato e ora sono in un internet point a scrivere il mio bellissimo (ma dov’e’ finita la mia “auto-critica”?) post.

Tra un po’ andro’ a Vauxhall a vedere il mio, ormai me lo sento mio, nuovo monolocale. Debs mi ha appena chiamato per dirmi che vuole venire pure lei per cui ci incontreremo alla metro di Vauxhall tra…..aaaaagggh 10 minuti! NON CE LA FARO’ MAI!!!

Bella la vita dello studente universitario a settembre!

Relazioni Pericolose?

Venerdi’ sera :

Per la serie,non accetto 2 di picche da nessuno, sarei dovuta uscire con degli amici che 10 min prima dell’ora convenuta mi hanno chiamata per dirmi che erano ancora lontani dal punto di incontro convenuto (nella fattispecie Camden Town) e che uno di loro non si sentiva bene quindi…..pacco!

Dato che tutti/e erano gia’ in giro per compleanni/cene ecc…sono uscita con B., un ragazzo conosciuto lo stesso pomeriggio…e’ un ragazzo eritreo di 25 anni con cui ho in comune nien-te : che noia!!!!! Cosi’ a mezzanotte e mezza l’avevo gia’ salutato, adducendo come scusa che mi preoccupavo per lui xche’ abitava lontano e doveva prendere l’ultimo treno per tornare a casa, e forte della spinta che mi derivava dalla media che avevo bevuto a stomaco vuoto ho deciso di non tornare a casa cosi’ presto e di andare a fare un giro al 101 Groove a Tottenham Court Road.

Le donne che leggono ora inorridiranno al pensiero di andare da sole in un locale pieno di gente dove presumibilmente non conoscono nessuno…io no perche’ ero gia’ “high” come dicono qua e poi entrata nel locale, mi sono appropinquata al bancone per prendere da bere (a parte il fatto che il barista stordito mi ha preparato una bevanda micidiale che mi e’ costata la bellezza di 6,50 pounds e non mi e’ piaciuta!!) e nel giro di 5 minuti a very cute guy mi si era avvicinato e aveva iniziato a parlarmi…

Quindi single che leggete, dovesse capitarvi di uscire per una serata con un tipo e vi rendete conto che state perdendo tempo, fatevi un drink (meglio se a sue spese ih ih ih), prendete la borsetta ed uscite a testa alta dal locale in direzione del primo locale “figo” che vi viene in mente : tempo 5 min e avrete gia’ fatto amicizia!!! Non so se suona piu’ triste o piu’ ridicolo questo consiglio ma per me ha funzionato anche se non era programmato.

Tornando a noi, questo very cute guy si chiama Leon e devo fargli i miei complimenti perche’ e’ riuscito ad attirare la mia attenzione; io ragazza dai gusti notoriamente difficili e non parlo solo di estetica. Il locale non era esattamente il luogo ideale per parlare cosi’ siamo usciti e abbiamo attraversato a piedi il centro di Londra-da Tottenham Court Road a Soho, Chinatown, Piccadilly Circus, Leicester Square ecc…lui e’ pazzo quanto me (ma lui e’ astemio dunque forse e’ peggio di me?) e poi stanchi di camminare siamo andati da lui!

E poi…..e poi…be’…son cavoli miei!!!!!!

W la liberta’!!

Qualcuno mi guarda le spalle da lassu’!

C’e davvero qualcuno che mi guarda le spalle dall’alto…sono quasi cascata in una truffa ben architettata!!!

Spiego: quando si arriva a Londra, la prima cosa da fare e’ cercarsi un posto dove vivere ok? Io ho avuto la fortuna di avere amiche che abitano qui da tempo e che hanno un loro appartamento, una di queste e’ Debs (detta anche Il Generale ma non e’ questo il momento di divagare) pero’ trattasi di soluzione temporanea quest’ultima anche perche’ per forza di cose, mi devo trovare un alloggio piu’ vicino alla mia universita’ e al mio lavoro.

Londra e’ IMMENSA, dicono che per attraversarla da parte a parte, ci si impiega 2 ore in macchina e in condizioni di poco traffico. E’ suddivisa in Zone: si va dalla Zona 1 che e’ strettamente il centro e che, nella mappa allegata, ha la forma di una bottiglia, alla Zona 6 che e’ l’estrema periferia. La mia sistemazione temporanea si chiama Caledonian Roade si trova a Nord nella Zona 2, la mia Universita’ Greenwich si trova a Sud Est, Zona 3 e il mio lavoro e’ a Hampton Court cioe’ ZONA 6!!! Ho letto da qualche parte che noi pendolari spendiamo la maggior parte della ns vita “viaggiando”, mai notizia fu piu’ vera: per andare a lavorare ogni mattina, mi alzo alle 6.30, esco di casa alle 7, prendo il bus fino a King’s Cross (10 min) dove prendo la metro (la Victoria Line) fino a Vauxhall (15 min), 5 min per prendere un Caramel Macchiato da Starbucks e poi treno da Vauxhall a Hampton Court alle 7.40 che arriva a destinazione alle 8.12, corsettina mattutina dalla stazione al bus stop per prendere il 411 e arrivare alla mia ditta (12-15 min) alle 8.30!! Cioe’ io arrivo al lavoro che mi sembra di aver gia’ fatto mezza giornata!!!!!!!! E vi risparmio lo sbattimento per andare alla mia Uni (anche perche’ non ho ancora provato :-p)!!

Per questi e per altri motivi, sto cercando una stanza o un appartamento vicino alla mia Uni che mi permettera’ di avvicinarmi considerevolmente anche al mio lavoro percio’ vado spesso a vedere gli annunci su www.gumtree.com e qualche settimana fa sono incappata in questo annuncio di un appartamento, non era specificato in che zona, a 350 £ al mese che e’ assolutamente un affare in qualsiasi modo la si voglia vedere. Ho subito risposto all’annuncio chiedendo maggiori info. Il giorno dopo, con mio enorme stupore, la tipa aveva gia’ risposto. L’appartamento si trovava a Marble Arch (Zona 1 guardate la mappa, si trova ad uno sputo da Oxford Circus quindi Centrissimo!!!) e la cifra era confermata in 350 £ al mese….poi le foto allegate WOW!! Era un affarissimo…..o una truffissima! Ovviamente chiedo di poter vederlo prima di decidere e lei mi dice che vive ad Atene e puo’ solo venire a mostrarmelo se sono decisa a prenderlo.Inoltre pone la condizione di 3 mesi di affitto anticipati (nella cospicua somma di 1050 £) da consegnarLe al momento della firma del contratto di locazione. Tipica situazione da cane che si morde la coda: io non decido senza vedere, lei non me lo mostra se non decido. Cosi per accordarci lei mi chiede di inviarle una prova che io ho quella somma, dopodiche’ lei viene a mostrarmi l’appartamento. La prova consisterebbe nel fare un operazione di trasferimento dei soldi da me ad un amico/parente a mia scelta tramite Western Union e l’invio della relativa ricevuta alla tipa….non mi convinceva granche’ questo fatto ma avrei fatto follie per quell’appartamento,in quella posizione e a quel prezzo. Un’avventura dopo l’altra sono riuscita a prelevare la somma dalla banca e nel frattempo erano passate 2 settimane e io (vi parlo di qualche giorno fa’) avevo varie volte tentato di mettermi in contatto con la Signora Brown, cosi’ si chiama, non riuscendoci e insospettendomi sempre piu’. Una volta alla Western Union, mi sento dire che quello che stavo per fare era completamente senza senso e che oltretutto capita di frequente che dei tizi si spaccino per i destinatari dei soldi e vadano a ritirarli….quindi avete capito che truffa aeva orchestrato per me la Sig.ra Brown??? Sono senza parole……

Ma tornando al titolo di questo post, c’e sicuramente qualcuno che mi guarda le spalle da lassu’!

Quindi se avete intenzione di prendere in affitto una stanza/appartamento a Londra, watch out!!! La truffa e’ proprio dietro l’angolo!

 Allegati: ‘TubeMapLarge.jpg

W la domenica con Debs!!!!

Oggi io e la Debs siamo andate a farci i capelli a Brixton : 1h e mezza  di bus per arrivare visto che abitiamo letteralmente dell’altra parte della citta’ e la Tube era impraticabile,ormai sono anni che stanno facendo i lavori sulla Victoria Line (un po’ come la TO-MI autostrada A4 per intenderci) ….pero’ che dire? Debs quando si tratta di parrucchieri non ragiona!!! Quello e’ il suo Jean Louis David  personale (e’ ancora considerato “figo” sto parrucchiere??!!) e che importa se abita a 1500 km da casa ns? Cos’e oggigiorno la distanza?O meglio cosa serve la tanto osannata/criticata globalizzazione se poi la Debs non puo’ attraversare la citta’ per andare dal parrucchiere? Quindi la Domenica mattina che avrei dormito volentieri 1 oretta in piu’, mi sono dovuta schiodare dal letto e andare con lei. Detto cosi’ sembro l’innocente vittima di quest’angheria ma in realta’ la sera prima presa dall’ebbrezza del momento, mi sono offerta di accompagnarla…Tragico errore!!!!!!! Che voglia alle 8.30 di mattina di far finta di nulla e dormire ma come dice mio padre “la sera leoni, la mattina coglioni” ma non fino al punto da rimangiarmi la parola….anche perche’ in quel caso non sarei qui a scrivere il post xche’ la Debs e’ intransigente come un Generale (e meno male che non bazzica tr internet raga’, se no ….). Ma W Brixton e W Isu (il parrucchiere no? come fate a non conoscerlo??)!!

La Susanna